Tumore seno, donne 'allodola' meno a rischio di 'civette'

Tumore seno, donne 'allodola' meno a rischio di 'civette'

Chi va a letto e si sveglia presto è meno esposta a malattia


(ANSA) - ROMA, 6 NOV - Le donne "allodola" - che si svegliano presto al mattino, sono più attive in questa fase della giornata e non fanno le ore piccole - sono più protette dal cancro al seno ed hanno un rischio di ammalarsi di questo tumore del 40% inferiore rispetto alle donne "notturne", che si svegliano e vanno a letto tardi. Lo rivela una ricerca presentata durante la conferenza sul cancro a Glasgow basata sull'analisi dei dati genetici di due grandi campioni di donne, il primo di 180.215 donne partecipanti al progetto britannico "Biobank project" e l'altro di 228.951 arruolate nello studio Breast Cancer Association Consortium. Diretto da Rebecca Richmond dell'università di Bristol, lo studio ha indagato se geni noti per essere associati a differenti abitudini del sonno (geni associati alla tendenza a svegliarsi presto o all'abitudine a fare le ore piccole e svegliarsi tardi) correlano con differenti rischi di sviluppare il tumore della mammella. Ebbene, è emerso che i "geni allodola" (presenti nel Dna delle donne che si svegliano presto) si associano a una riduzione del rischio del 40% rispetto ai "geni civetta". Significa che nell'arco di circa 8 anni (la durata di questo studio) circa una donna allodola su 100 si ammala di tumore contro 2 su cento tra le civette.
    Sono necessari nuovi studi per comprendere i meccanismi con cui i geni legati ai ritmi del riposo influenzino lo sviluppo del cancro del seno.
   

Leggi su www.ansa.it