Puzzle e cruciverba non rallentano il declino del cervello

Puzzle e cruciverba non rallentano il declino del cervello

Ma chi lo usa tutta la vita ha più abilità mentale in vecchiaia


  Fare cruciverba, puzzle e Sudoku non evita o rallenta il declino mentale. Un nuovo studio pubblicato sul British Medical Journal (BMJ), contraddice il concetto, fino ad oggi ampiamente accettato, che utilizzare il cervello in età avanzata aiuta a 'non perderlo', sintetizzato nella nota formula anglosassone Use It or Lose It. Tuttavia, lascia una speranza per chi tutta la vita svolge attività che impegnano la materia grigia.
    I ricercatori dell'Aberdeen Royal Infirmary e l'Università di Aberdeen, in Scozia, hanno esaminato 498 persone nate nel 1936 che avevano preso parte a un test di intelligenza all'età di 11 anni. Lo studio attuale è iniziato quando i partecipanti avevano circa 64 anni ed è durato 15 anni nel corso dei quali i volontari sono stati chiamati 5 volte a effettuare test di memoria e velocità di elaborazione mentale. Coloro che in questo arco di tempo si erano impegnati a risolvere problemi, cruciverba e attività simili non sono risultati particolarmente protetti dal declino cognitivo. Tuttavia, impegnarsi in attività intellettualmente stimolanti su base regolare nel corso di tutta la vita era legato a un maggiore livello di abilità mentale in vecchiaia, anche se non a un declino più lento. Il motivo? Chi lo fa ha capacità mentali più elevate in partenza e questo, secondo i ricercatori, fornisce un "punto cognitivo superiore" da cui declinare.
    Dal momento che la ricerca non ha preso in considerazione persone con demenza, precisa David Reynolds, direttore scientifico dell'Alzheimer's Research UK, "non possiamo dire se questi risultati possano valere anche per persone con questa condizione". A ogni modo, per un cervello sano nella Terza Età "è fondamentale mantenersi fisicamente in forma, seguire una dieta equilibrata, non fumare, bere seguendo le linee guida raccomandate e mantenere peso, colesterolo e pressione sanguigna sotto controllo". 
   

Leggi su www.ansa.it