Vaccini, un furgoncino per avvicinare i cittadini

Vaccini, un furgoncino per avvicinare i cittadini

Nel segno della vicinanza alle persone. Open Day al Careggi di Firenze


 Nel segno della vicinanza ai cittadini e dell'innovazione nella prevenzione, ha preso il via all'Auditorium di Careggi, il 2/o open day del Dipartimento della prevenzione della Ausl Toscana centro che ha già presentato i primi progetti. Presentato il furgoncino delle vaccinazioni, una postazione mobile attrezzata e accreditata con personale sanitario dedicato, che nasce dall'idea di avvicinare la vaccinazione ai cittadini, rendendola più facilmente raggiungibile. "Gli obiettivi in particolare sono incrementare le coperture vaccinali dall'adolescenza in poi quando - spiega Alessandro Miglietta del Dipartimento - c'è una quota alta di persone che non continuano a vaccinarsi". Testimonial di questo progetto Andrea, 32 anni a cui sono stati amputati entrambi gli arti inferiori in seguito a una meningite contratta nel 2015. "Piano piano ho riottenuto la mia autonomia - racconta Andrea - ma a quel punto volevo fare di più. In ospedale ho maturato la voglia di correre che mi ha portato a utilizzare una protesi da corsa grazie alla quale sono diventato atleta ed ho gareggiato anche nella nazionale italiana di corsa e velocità. Rampicate e alpinismo che erano le mie passioni, le ho riconquistate. Io non ero vaccinato nel 2015, spero di tramandare questo messaggio positivo. Ho riconquistato la mia vita ma dietro c'è stata tanta sofferenza. Per un vaccino non fatto, non vale la pena rischiare". A conclusione della giornata sarà proclamato il progetto vincitore dell'edizione 2019 da una giuria di studenti universitari dei principali corsi afferenti al mondo della prevenzione.(ANSA).
   

Leggi su www.ansa.it