Meningite:sconfitta in Sardegna quella da meningococco Bcc11

Meningite:sconfitta in Sardegna quella da meningococco Bcc11

Battaglia vinta con profilassi e vaccinazione


(ANSA) - SASSARI, 29 APR - A un anno dall'insorgenza dell'ultimo caso e dell'allarme generato in tutta la Sardegna, la meningite da meningococco Bcc11 nell'isola può considerarsi sconfitta. Ad annunciare la vittoria frutto della profilassi e delle campagne di vaccinazioni messe in atto dalle istituzioni sanitarie regionali, sono gli esperti di Vaccinarsinsardegna.org, il sito internet specializzato, curato dall'Aou di Sassari in collaborazione con l'Università sassarese. "Essendo trascorso un anno dall'ultimo caso di meningite attribuibile al meningococco Bcc11 che nei primi mesi del 2018 ha causato 5 casi in giovani che avevano frequentato discoteche dell'area cagliaritana, il cluster può considerarsi esaurito", annuncia il team di Vaccinarsinsardegna in occasione della Settimana mondiale dell'Immunizzazione.
    "Durante i primi quattro mesi del 2018 sono stati registrati in Sardegna otto casi di malattia meningococcica da sierogruppo B. Questo ha destato un forte allarme nella popolazione, sia perché la concentrazione dei casi in un periodo di tempo relativamente breve ha evidenziato un incremento della patologia rispetto al passato facendo così gridare all'epidemia, sia perché sono stati colpiti in prevalenza soggetti giovani, con purtroppo anche esiti letali, contribuendo ad aumentare nella popolazione il rischio percepito di pericolosità di questa malattia", spiegano gli esperti di Vaccinarsinsardegna e dell'Osservatorio epidemiologico dell'assessorato regionale alla Sanità. Di questi otto casi, "solo 5 erano sostenuti dallo stesso ceppo Bcc11, tutti osservati nell'ambito di un gruppo di ragazzi che avevano frequentato le discoteche del cagliaritano tra la fine del 2017 e i primi mesi del 2018. Gli altri tre episodi sono stati sostenuti da due ceppi distinti di meningococco B, un Bcc41/44 che ha causato due casi, un anziano e la sua badante nel nuorese, ed un Bcc213 in un adulto di Carbonia", continuano gli epidemiologi. A oggi, a distanza di un anno, non sono stati registrati altri casi sostenuti da quel ceppo di meningococco, e pertanto il cluster può considerarsi esaurito".
   

Leggi su www.ansa.it