Il cervello dei 'sapientoni' è connesso meglio

Il cervello dei 'sapientoni' è connesso meglio

Ciò contribuisce a integrare informazioni 'disperse'


Il cervello dei 'sapientoni', coloro che hanno cioè un'eccellente cultura generale? È connesso in una maniera particolarmente efficiente. Lo rileva una ricerca della Ruhr-Universität Bochum e della Humboldt-Universität di Berlino, pubblicata sullo European Journal of Personality. I ricercatori hanno esaminato il cervello di 324 uomini e donne con una forma speciale di risonanza magnetica che consente di ricostruire i percorsi delle fibre nervose e quindi ottenere informazioni sulle proprietà della rete strutturale del cervello. Grazie ad algoritmi matematici hanno assegnato un valore individuale al cervello di ciascun partecipante, che rifletteva l'efficienza della rete di fibre.

Tutti coloro che hanno preso parte allo studio, poi, hanno anche completato un test di conoscenza generale chiamato Bochum Knowledge Test, che si compone di oltre 300 domande in vari campi della conoscenza come arte, architettura, biologia e chimica. Il team guidato da Erhan Genç ha studiato se l'efficienza delle reti strutturali fosse associata alla quantità di conoscenze generali memorizzate. È emerso che le persone con un network di fibre molto efficiente avevano una conoscenza generale maggiore di quelle con una rete strutturale che lo era meno. "Partiamo dal presupposto che le singole unità di conoscenza sono disperse in tutto il cervello sotto forma di informazioni - spiega Erhan Genç - una rete efficiente è essenziale per mettere insieme le nozioni memorizzate in varie aree".

Ad esempio, per rispondere alla domanda su quali costanti si verificano nella teoria della relatività di Einstein, bisogna collegare il significato del termine "costante" con la conoscenza della teoria della relatività. "Una rete più efficiente del cervello - conclude il ricercatore - contribuisce a una migliore integrazione di informazioni e quindi porta a risultati migliori in un test di conoscenza generale". 
   

Leggi su www.ansa.it