Super-batterio New Delhi negli ospedali della Toscana, attivate le Asl

Piano per contrastare fenomeno, è molto resistente a antibiotici


Tutte le Aziende sanitarie della Regione Toscana sono attivate per affrontare il fenomeno dell'imprevisto aumento di positività al batterio Ndm (acronimo di New Delhi metallo beta-lattamasi) rilevato tra fine 2018 e inizio 2019 tra i pazienti degli ospedali toscani. E' un batterio tra i più resistenti agli antibiotici. Lo riferisce la Regione aggiungendo che il fenomeno presente in tutto il territorio sta interessando in particolare l'Area Nord Ovest della Toscana dove ci sono 350 pazienti portatori di batterio Ndm di cui 44 infetti con presenza confermata di batterio nel sangue. La Regione ha varato un decreto con tutte le misure di monitoraggio e intervento per contrastare il diffondersi del batterio. "Grazie all'impegno del personale - sempre la Regione - il numero di pazienti portatori dall'inizio della diffusione fino ad oggi è costantemente monitorato, i portatori sono prontamente individuati e vengono messe in atto regolarmente le dovute precauzioni igieniche per non permettere la diffusione del batterio". 
   

Leggi su www.ansa.it