Coronavirus: ricerche online predicono picchi epidemia

Coronavirus: ricerche online predicono picchi epidemia

Dopo boom, quelle su attività 'pericolose' aumentano contagi


(ANSA) - ROMA, 08 FEB - Analizzando le ricerche online di attività 'pericolose' come gli orari dei cinema o le informazioni sulle palestre è possibile anticipare eventuali focolai di Covid di diversi giorni. Lo afferma uno studio su Social Network Analysis and Mining dell'università di New York.
    I ricercatori hanno analizzato le richieste ai motori di ricerca da marzo a giugno 2020 nei 50 stati americani attraverso Google Trends, realizzando due indici: uno di 'mobilità', legato a domande come 'il cinema più vicino' o 'biglietti aerei' e uno di 'isolamento', con richieste sulla consegna di cibo a casa o su corsi online. I dati sono stati confrontati poi con quelli dei contagi 10-14 giorni dopo i picchi nelle ricerche. In generale, scrivono gli autori, l'indice di movimento è risultato correlato a picchi nei nuovi casi in 42 dei 50 stati. "Questo è il primo passo verso uno strumento che predice l'aumento dei casi sulla base delle attività ad alto rischio e sulle intenzioni riguardo alla mobilità - spiegano -. L'uso di questi dati 'alternativi' non è nuovo, ed è stato applicato ad altri scopi, ad esempio in finanza per generare investimenti basati sui dati. come le immagini satellitari di un parcheggio per dedurre i guadagni di una attività. La ricerca mostra che la stessa tecnica può essere applicata alla pandemia". (ANSA).
   

Leggi su www.ansa.it