Covid: stress post traumatico per 1 sanitario su 3

Covid: stress post traumatico per 1 sanitario su 3

Studio evidenzia che serve un supporto psicologico, risultati dalla psicoterapia 'Emdr'


Ansia, rabbia, esaurimento emotivo e depressione: gli operatori sanitari che in questi mesi hanno curato i pazienti Covid mostrano segni evidenti di burnout e sindrome post traumatica da stress. Per questo serve supporto psicologico in ospedale e risultati positivi sono stati ottenuti attraverso il trattamento psicoterapico EMDR (Eye Movement Desensitization and Reprocessing) su medici, infermieri, osa e volontari. E' quanto emerge dallo studio condotto dall'Associazione EMDR Italia, primo lavoro italiano che testimonia l'efficacia di questa terapia per l'elaborazione del trauma vissuto dagli operatori sanitari nel corso della pandemia.

La tecnica di psicoterapia Emdr e' un metodo innovativo che offre un aiuto alle psicoterapie convenzionali. In pratica, il terapeuta attraverso alcuni movimenti induce la persona a muovere gli occhi in un determinato modo che la aiuta a rielaborare situazioni traumatiche. La tecnica consiste dunque in una serie di stimoli oculari al paziente mentre rivive le cause del trauma. La ricerca, che sarà presentata oggi in un webinar moderato da Marco Liorni, ha coinvolto 744 soggetti (di cui 157 non sono stati trattati) sottoposti a quattro differenti tipologie di trattamento EMDR (de visu, di gruppo, on-line individuali e di gruppo). I dati sono stati raccolti in 17 ospedali e RSA. Dallo studio è emerso che il 71,2% degli operatori sanitari ha avuto livelli di ansia superiori. In relazione al burnout, più del 60% ha riportato livelli da moderati a elevati; il 74,4% ha riportato livelli da moderati a elevati di ridotta realizzazione personale. Livelli clinici di depressione sono stati inoltre identificati nel 26,8% dei partecipanti, di ansia nel 31,3% e di stress nel 34,3%. Infine, il 36,7% ha riportato sintomi di stress post-traumatico.

"Dall'indagine è emerso che le caratteristiche di burnout in questi soggetti sono al di sopra della soglia patologica, dimostrando uno stato traumatico - spiega Marco Pagani, ricercatore del Consiglio nazionale delle Ricerche - mentre dopo il trattamento le condizioni di stress, ansia, umore, rabbia, sonno mostrano un miglioramento significativo negli operatori reclutati". (ANSA).
   

Leggi su www.ansa.it