Sanità: melanoma, Covid non cambia gestione paziente

Imi, vince approccio multidisciplinare con terapie su misura


(ANSA) - TORINO, 08 NOV - Il Covid-19 e il lockdown non hanno influito nella gestione del paziente dermatologico nei centri Imi (Intergruppo Melanoma Italiano), presenti all'interno dei poli oncologici ospedalieri di eccellenza. Sotto certi aspetti la situazione è addirittura migliorata. Non solo, durante il lungo periodo di chiusura i teleconsulti genetici sono incrementati del 34%.
    È quanto emerge dal XXVII Congresso Nazionale dell'Imi, una tre giorni che si chiude oggi, dopo avere tracciato lo stato dell'arte delle nuove terapie.
    Nella diagnosi e cura vince l'approccio multidisciplinare che vede dermatologi, oncologi, genetisti, radiologi, chirurghi e addirittura l'intelligenza artificiale uniti per concordare le terapie più adatte a ogni paziente. Questo approccio grazie alle terapie adiuvanti ha ridotto dell'80% gli interventi sui linfonodi sentinella positivi con metastasi microscopiche, inoltre sono calate le dissezioni linfonodali inutili, mentre sono incrementate notevolmente gli interventi su pazienti un tempo ritenuti inoperabili. (ANSA).
   

Leggi su www.ansa.it