Coronavirus: Governo Australia finanzia sviluppo tre vaccini

Coronavirus: Governo Australia finanzia sviluppo tre vaccini

Con 3,7 milioni di euro, puntano sulle proteine spike


(ANSA) - SYDNEY, 21 SET - Due università australiane si sono unite alla gara globale per sviluppare vaccini per il Covid-19, dopo essersi assicurate un totale di 6 milioni di dollari australiani (3,7 milioni di euro) in fondi governativi, a seguito di "risultati incoraggianti". I fondi vanno all'Università di Melbourne per lo sviluppo di due vaccini 'candidati' e all'Università di Sydney per la sperimentazione clinica della sicurezza e dell'efficacia di un terzo vaccino basato sul Dna che non richiede iniezione.
    I due vaccini di Melbourne sono affidati a ricercatori del Doherty Institute e del Monash Institute of Pharmaucetical Sciences e puntano sull'arma più potente del virus - le proteine spike, o spinose, che ricoprono il virus e gli consentono di invadere le cellule umane. "SARS-COv-2, il virus che causa il Covid-19, è ricoperto da proteine che assomigliano a spine e consentono al virus di attaccarsi alle cellule e a penetrarle", ha spiegato l'immunologo del Doherty Institute, Dale Godfrey, al quotidiano The Australian.
    Il vaccino agisce sulla punta delle proteine spinose, che sono la parte del virus che si attacca alle cellule umane, ha aggiunto Godfrey. Se avrà successo, stimolerà il sistema immunitario a produrre anticorpi capaci di neutralizzare il virus. "Se potremo bloccare questo aggancio, potremo bloccare l'infezione. Il vaccino quindi insegnerebbe all'organismo umano a riconoscere il virus e ad attaccarlo".
    Intanto i ricercatori dell'Università di Sydney intendono arruolare 150 volontari in una sperimentazione di fase uno che testerà l'attuabilità di un vaccino basato sul Dna, che non richiede iniezione. Il ministro della Salute Greg Hunt ha espresso la speranza che il finanziamento federale aiuterà lo sviluppo di vaccini che possano essere distribuiti non solo in Australia ma attorno al mondo. (ANSA).
   

Leggi su www.ansa.it