Ecdc, benefici AstraZeneca superano rischio reazioni

Ecdc, benefici AstraZeneca superano rischio reazioni

20 paesi raccomandano di dare seconda dose dello stesso vaccino


I benefici del vaccino di AstraZeneca, in termini di ricoveri, ingressi in terapia intensiva e morti evitate, sono superiori al rischio, molto raro, di avere eventi avversi di tromboembolia, e aumentano di pari passo con l'età delle persone e il tasso di contagio. Per la seconda dose, rimane la raccomandazione di farla con lo stesso vaccino dopo un intervallo di 4-12 settimane. Lo sottolinea nell'ultimo rapporto pubblicato sul sito il Centro Europeo per il controllo delle malattie (Ecdc), sulla base anche dei dati raccolti dall'Agenzia europea del farmaco (Ema).

Stando ai dati aggiornati al 12 maggio, 15 paesi europei hanno adottato specifiche raccomandazioni per somministrare il vaccino solo a certi gruppi di età, di solito quelli più anziani, mentre 12 ne raccomandano l'uso sulle caratteristiche aggiornate dall'Ema, e due paesi hanno smesso di usarlo.

Complessivamente sono 20 i paesi che raccomandano di dare la seconda dose sempre di AstraZeneca (con l'eccezione di chi ha avuto reazioni dopo la prima iniezione o eventi tromboembolici), mentre 5 (Svezia, Germania, Francia, Finlandia e Danimarca) hanno deciso di usare i vaccini a Rna per la seconda dose.

Quattro paesi invece stanno ancora decidendo il da farsi in attesa di ulteriori dati, visto che le seconde dosi dovrebbero iniziare dalla fine di maggio. Nel Regno Unito è in corso uno studio, che durerà un anno, in cui si valuta l'effetto della prima dose con AstraZeneca e della seconda con i vaccini di Pfizer, Moderna e Novavax. (ANSA).
   

Leggi su www.ansa.it